• Christies auction house James Christie logo

    Sale 2509

    Old Master Pictures

    28 May 2008, Milan, Palazzo Clerici

  • Lot 166

    Gerolamo Induno (Milano 1825-1890)

    Trasteverina uccisa da una bomba

    Price Realised  

    Estimate

    Gerolamo Induno (Milano 1825-1890)
    Trasteverina uccisa da una bomba
    firmato e datato 'G. Induno.1850' (in alto al centro)
    olio su tela
    115 x 157.5 cm.


    Contact Client Service
    • info@christies.com

    • New York +1 212 636 2000

    • London +44 (0)20 7839 9060

    • Hong Kong +852 2760 1766

    • Shanghai +86 21 6355 1766

    Non lascia spazio ad ambiguità o a false speranze il titolo, duro e preciso nella sua oggettività disadorna, con cui Gerolamo Induno volle presentare all'Accademia di Brera il più importante dei dipinti eseguiti al ritorno dalla sanguinosa difesa di Roma nel 1849, e con cui oggi, a più di centocinquant'anni dalla sua prima fugace apparizione, possiamo presentarlo di nuovo, contro ogni possibile aspettativa di quanti, scrivendone, lo ritenevano per sempre perduto.
    Un titolo volutamente (ed insolitamente) sobrio, peraltro, certo per non sottolineare, nella Milano nuovamente sottoposta al dominio austriaco, la passione civile che lo aveva ispirato e che, nella fanciulla esanime nella povera stanza devastata, voleva alludere alla 'Roma ferita al cuore' a seguito dei sanguinosi fatti d'arme a cui l'artista stesso aveva preso parte, a rischio della vita. E se, per questi motivi, la 'Gazzetta di Milano' accolse con qualche riserva il dipinto esposto a Brera nel 1850, ben più entusiasta e partecipe fu invece la recensione di Tullio Massarani uscita nel 1852, illustrata da un'incisione di Zimbelli che riproduceva il dipinto rimanendone, fino ad oggi, l'unico documento.
    E' ancora questa incisione a consentire l'identificazione di un acquarello preparatorio, già nella raccolta di Angela Gavazzi Marezza, e di quattro straordinari disegni, un tempo raccolti nell'Album Litta, presentati nel 1984 dalla galleria Salamon Agustoni Algranti, con il commento di Ferdinando Mazzocca. I quattro studi, tutti a carboncino e biacca su carta paglierina, consentono di ricostruire la meditata gestazione del dipinto, dalla scena d'insieme dove l'ambiente sembra prevalere sulla figura della protagonista, di più esigue proporzioni, alla ricerca delle possibili varianti, fino alla soluzione definitiva per la figura della giovinetta abbandonata nel sonno della morte. Un'immagine, questa, che nella sua armoniosa compostezza sembra quasi evocare la raffigurazione canonica di giovani martiri cristiane e forse, più precisamente, quella di un'altra e più antica 'trasteverina', la Santa Cecilia scolpita da Stefano Maderno per la chiesa omonima, appunto in Trastevere. E se, ai nostri occhi, la raffigurazione di questa morte improvvisa e violenta appare ben poco realistica nella sua pacata eleganza, non c'è dubbio che l'artista intendesse esprimere, in questo dipinto di così forte valenza simbolica, la medesima commozione che, negli stessi anni o appena prima, aveva distinto le opere del fratello Domenico: pensiamo ad esempio al tragico Episodio del diluvio del 1844, dove il dolore sbigottito della fanciulla scampata alle acque accanto al corpo di una sorella sfortunata, quasi una moderna Pietà, non può non ricordare la manzoniana 'madre di Cecilia'.
    E' in ogni caso sorprendente, e in qualche misura spiazzante, trovare in questo ruolo drammatico la giovane donna in costume popolare (identificata per l'appunto come ciociara nel catalogo dell'esposizione torinese) che siamo abituati a conoscere come protagonista di scene di genere senza tempo, ma sempre e inevitabilmente liete, oppure quale moderna incarnazione della bellezza classica romana, dalla Fornarina in poi. Non c'è dubbio che in questa scelta Induno intendesse rendere testimonianza degli eventi a cui aveva preso parte nella sfortunata difesa della città dai Francesi: una difesa a cui il popolo, e in particolare quello di Trastevere, aveva partecipato con coraggio e passione, riscattando per breve tempo il suo immobilismo senza prospettive, e pagando alla fine un prezzo sanguinoso.

    Special Notice

    Where there is no symbol Christie's generally sells lots under the Margin Scheme. The final price charged to Buyer's for each lot, is calculated in the following way: 30% of the final bid price of each lot up to and including € 5.000,00 26% of the excess of the hammer price above €5.000,00 and up and including € 400.000,00 18,5% of the excess of the hammer price above €400.000,00


    Saleroom Notice

    Il dipinto è in prima tela.
    The painting is on a original canvas.
    L'opera è registrata nell'Archivio Generale delle Opere di Domenico e Gerolamo Induno-presso lo Studio Manusardi-con il numero 420/G.
    The painting is record no. 420/G in Archivio Generale delle Opere di Domenico e Gerolamo Induno database c/o Studio Manusardi.

    Per il presente lotto è stato avviato un provvedimento di dichiarazione di importante interesse da parte della Soprintendenza per il Patrimonio Storico Artistico ed Etnoantropologico per le Provincie di Milano Bergamo Como Lecco Lodi Pavia Sondrio Varese.
    The Soprintendenza per il Patrimonio Storico Artistico ed Etnoantropologico per le Provincie di Milano Bergamo Como Lecco Lodi Pavia Sondrio Varese has begun a process of declaring this work of national importance.


    Literature

    Esposizione delle Opere di Belle Arti nell'Imperial Regia Accademia per l'anno 1850, Milano, 1850, s.p.
    X Esposizione. Società Promotrice delle Belle Arti, Torino, 1851, p. 2, n. 231.
    T. Massarani, in 'Le Arti Educative'. Opera dedicata all'Ill.a signora duchessa Giovanna Visconti di Modrone de'marchesi di Gropello , I, Milano, 1852 (ill.).
    F. Mazzocca, Una raccolta di disegni di Gerolamo Induno. Episodi di vita risorgimentale. Galleria Salamon Agustoni Algranti, Milano, 1984, nn. 1-4.
    S. Ragonelli, in Domenico e Gerolamo Induno. La storia e la cronaca scritte col pennello. Catalogo della Mostra a cura di G. Matteucci. Saggio di F. Mazzocca (Tortona, Palazzo Guidobono 15 ottobre 2006 - 7 gennaio 2007), Torino, 2006, pp. 52-53, 58; S. Bietoletti, ibidem, p. 223.


    Exhibited

    Milano, Imperial Regia Accademia di Belle Arti, 1850.
    Torino, Società Promotrice di Belle Arti, X Esposizione, 1851, n. 231.