• Christies auction house James Christie logo

    Sale 2512

    Old Master Pictures

    25 November 2008, Milan, Palazzo Clerici

  • Lot 46

    Giovanni Rivalta (Faenza 1756 - 1823)

    Natura morta con frutta, carne, brocca in ceramica e cesto

    Price Realised  

    Estimate

    Giovanni Rivalta (Faenza 1756 - 1823)
    Natura morta con frutta, carne, brocca in ceramica e cesto
    olio su tela
    64 x 89 cm.


    Contact Client Service
    • info@christies.com

    • New York +1 212 636 2000

    • London +44 (0)20 7839 9060

    • Hong Kong +852 2760 1766

    • Shanghai +86 21 6355 1766

    La riscoperta di Giovanni Rivalta si deve alle ricerche, coincidenti per data di pubblicazione e tra loro sostanzialmente indipendenti, di Piergiorgio Pasini e Luigi Salerno, che nel 1984 pubblicarono i primi e fondamentali studi sull'artista faentino. Il saggio di Pasini, in particolare, tendeva a distinguere la figura di Rivalta da quella del suo conterraneo Pietro Piani, sotto il cui nome erano confluite fino a quel momento gran parte delle nature morte prodotte a Faenza nel primo Ottocento, comprese quelle che in quell'occasione furono restituite al Rivalta sulla base del confronto con opere firmate e datate.
    Sebbene non firmato, il dipinto che qui presentiamo è stato appunto riconosciuto come appartenente alla stessa mano che nel 1803, e anzi nel mese di aprile, iscrive il nome, Giovanni Rivalta, e quello della città, Faenza, sulla coppia di nature morte che costituiscono il punto di avvio alla ricostruzione del suo catalogo (L. Salerno, 1984, figg. 121.2-3). Del tutto simile, infatti, la selezione di oggetti ordinatamente disposti sul piano di legno, appena sporgenti a suggerire un'illusiva profondità, e tutti tratti dalla realtà offerta da una cucina di campagna: una cucina ricca, certamente, ove non mancano cibi semplici ma variati e decisamente 'di terra', oggetti di uso comune rustici ma in buone condizioni, quasi a suggerire il contesto in cui queste nature morte sono nate, e il pubblico dei loro probabili collezionisti.
    Il 'delicato purismo' che Luigi Salerno indicava come principale caratteristica di questo petit-maitre romagnolo del primo Ottocento si iscrive, concludendolo, nel più generale percorso verso la semplicità compositiva che nella seconda metà del Settecento appare coinvolgere molti pittori di natura morta in varie regioni italiane, dal Ceruti al Magini, allo pseudo-Resani, per restare in aree contigue a quelle del Rivalta.

    Special Notice

    Where there is no symbol Christie's generally sells lots under the Margin Scheme. The final price charged to Buyer''s for each lot, is calculated in the following way: 30% of the final bid price of each lot up to and including € 20.000,00 26% of the excess of the hammer price above € 20.000,00 and up and including € 800.000,00 18,5% of the excess of the hammer price above €800.000,00


    Literature

    L. Salerno, La natura morta italiana, 1560 - 1805, Roma, 1984, p. 392, fig. 121.1
    P. Pasini, Nature morte faentine tra Rivalta e Piani, in 'Romagna Arte e Storia' II, 1984, pp. 47-58, fig. 3.
    Naturaliter. Nuovi contributi alla natura morta in Italia settentrionale e Toscana tra XVII e XVIII secolo. A cura di U. e G. Bocchi, Casalmaggiore, 1998, p. 371, fig. 466.