• Christies auction house James Christie logo

    Sale 2508

    Post War and Contemporary Art

    26 May 2008, Milan, Palazzo Clerici

  • Lot 288

    Giuseppe Capogrossi (1900-1972)

    Nudo e corazza

    Price Realised  

    Giuseppe Capogrossi (1900-1972)
    Nudo e corazza
    firmato Capogrossi (sul retro)
    olio su tavola
    cm 65x81
    Eseguito nel 1932 c.


    Contact Client Service
    • info@christies.com

    • New York +1 212 636 2000

    • London +44 (0)20 7839 9060

    • Hong Kong +852 2760 1766

    • Shanghai +86 21 6355 1766

    La rarissima opera di Giuseppe Capogrossi, che qui viene presentata, costitutisce un importante esempio della "pittura tonale" degli anni Trenta in Italia.
    Nudo con corazza appare per la prima volta in esposizione nel 1932 , presso la Galleria di Roma, in una mostra collettiva, a cui Capogrossi partecipa insieme a Cavalli, Pirandello, Cagli e Paladini. La mostra voleva essere la risposta romana ad un'analoga esposizione tenutasi a Milano con opere di Birolli, Bogliardi, Ghiringhelli, Sassu e Soldati: la presentazione di ciò che di più interessante il panorama pittorico delle due città poteva offrire in quel determinato periodo. Di fatto fu un'occasione per apparire in pubblico con opere di raffinata compiutezza, in cui tecnicamente gli assunti del tonalismo appaiono risolti, uscendo dalle incertezze delle fasi sperimentali degli artisti per farsi stile chiaro e netto con la monumentalità degli affreschi pierfrancescani.

    Come è stato notato dalla critica, l'idea fondamentale intorno alla quale si svolsero le ricerche dei pittori tonali - Capogrossi e Cavalli per primi, a cui contestualmente si accostarono Cagli, Pirandello, Monti, Melli e successivamente Ziveri, Janni e Gentilini - è la realizzazione del quadro come rappresentazione "assoluta" della realtà: nel dipinto ogni elemento, per risultare "universale" deve esser reso secondo il suo tono locale, secondo cioè quella qualità di colore che gli compete, "platonicamente", al di là delle contingenze, dei mutamenti d'ombra e di luce. Un anti-impressionismo al quale si connette un forte senso della costruzione geometrizzante, espressione anch'essa di assolutezza e di rigore formale.
    (cfr. F. Benzi, Le scuole romane, Milano 1988, pp. 19-20)

    Oltre all'indiscutibile valore storico, vanno evidenziate la grande compiutezza ed eleganza formale, riccamente caratterizzata da colte influenze e citazioni culturali. Evidenti i richiami agli Italiens de Paris, la cui pittura Capogrossi ha modo di conoscere alla fine degli anni venti: nella pittura tonale di questa opera si possono leggere lo stile sintetico e d'affresco antico di Campigli, lo stile classicheggiante di Tozzi, le raffinate interpretazioni dei temi mitologici del De Chirico, tanto parigino, quanto romano.
    Dopo una lunga teoria di vicende espositive, questa opera, per anni gelosamente custodita in collezione privata, viene offerta per la prima volta all'attenzione del collezionismo più raffinato.

    Special Notice

    Artist's Resale Right ("Droit de Suite"). Artist's Resale Right Regulations 2006 apply to this lot, the buyer agrees to pay us an amount equal to the resale royalty provided for in those Regulations, and we undertake to the buyer to pay such amount to the artist's collection agent.
    Where there is no symbol Christie's generally sells lots under the Margin Scheme. The final price charged to Buyer's for each lot, is calculated in the following way: 30% of the final bid price of each lot up to and including € 5.000,00 26% of the excess of the hammer price above €5.000,00 and up and including € 400.000,00 18,5% of the excess of the hammer price above €400.000,00


    Provenance

    Collezione G. Pampaglione, Bologna
    Collezione Jacorossi, Roma
    Collezione M. Foglietti, Roma
    Galleria Arco Farnese, Roma
    ivi acquisito dall'attuale proprietario nel 1997 c.


    Literature

    A. Neppi, Dieci pittori d'avanguardia, in "Lavoro fascista", 24 maggio 1932


    Exhibited

    Roma, Galleria di Roma, Gruppo di cinque pittori romani e cinque milanesi, 1932
    Spoleto, Palazzo Rosari Spada, Capogrossi fino al 1948, 23 giugno - 20 luglio 1986, cat., n. 12
    Verona, Galleria d'Arte Moderna e Contemporanea, Palazzo Forti, Le Scuole Romane. Sviluppi e continuità, 9 aprile - 15 giugno 1988, cat., p. 51 (illustrato)
    Roma, Chiostro del Bramante, Roma 1918-43, 29 aprile - 12 luglio 1998, p. 278 (illustrato)
    Brescia, Palazzo Martinengo, Les Italiens de Paris. De Chirico e gli altri a Parigi nel 1930, 18 luglio - 22 novembre 1998, cat., p. 234, n. 84 (illustrato)
    Parigi, Pavillon des Arts, École romaine 1925-1945, 24 ottobre - 25 gennaio 1998, cat., p. 103 (illustrato)
    Roma, Galleria Arco Farnese, Arte a Roma tra le due guerre: dal Ritorno all'Ordine alla Scuola Romana, 28 novembre 1997 - 24 gennaio 1998, cat., n. 7 (illustrato)