• Contemporary and Modern Art auction at Christies

    Sale 2517

    Contemporary and Modern Art

    24 November 2009, Milan, Palazzo Clerici

  • Lot 148

    Giuseppe Capogrossi (1900-1972)

    Superficie 382

    Price Realised  

    Estimate

    Giuseppe Capogrossi (1900-1972)
    Superficie 382
    firmato e datato Capogrossi 1960 (in alto a destra)
    olio su tela
    cm 162x130
    Eseguito nel 1960


    Contact Client Service
    • info@christies.com

    • New York +1 212 636 2000

    • London +44 (0)20 7839 9060

    • Hong Kong +852 2760 1766

    • Shanghai +86 21 6355 1766

    Giuseppe Capogrossi arriva alla pittura astratta quasi cinquantenne, rinnovando totalmente il suo linguaggio quando già è al culmine di una carriera artistica come pittore figurativo. Protagonista negli anni Trenta e nei primi Quaranta della cosiddetta "Scuola Romana" approda dopo la guerra, con una svolta repentina, a una pittura di segno. La sua ricerca non ignora quindi la pittura figurativa ma, al contrario, la supera dialetticamente. Dopo aver dato prova di una grande raffinatezza nella figurazione e averne saggiato i limiti, decide di operare una semplificazione e una riduzione al fine di arrivare direttamente al cuore della pittura, concentrandosi sui problemi che ne costituiscono l'essenza. L'uso di un elemento sempre ripetuto, la classica forchettina, elimina alla radice il problema del soggetto e gli impone di concentrarsi sul colore e la composizione.
    Giulio Carlo Argan, il critico che lo ha seguito più da vicino e che ne ha più profondamente ed efficacemente intepretato l'opera, ha intuito che il suo segno è "una struttura costante con valenze plurime". Si tratterebbe in sostanza di una unità elementare che, ripetendosi e moltiplicandosi, rende possibile qualunque struttura compositiva, permettendo all'autore il massimo della libertà. Il suo segno è come il mattone in architettura o in un gioco di costruzioni: pur essendo ogni elemento uguale all'altro le realizzazioni possibili sono infinite. Anziché essere una costrizione, la ripetizione diventa così un inno alle infinite possibilità compositive; il segno trova nelle illimitate combinazioni e variazioni possibili la via per rendersi imprevedibile.
    Questo è dimostrato con grande chiarezza dal'analisi dei singoli dipinti dell'artista romano, ognuno dei quali è differente e riconoscibile, ha una propria fisionomia e quasi una sua personalità. Nel dipinto che presentiamo, la composizione è divisa in quattro settori più o meno equivalenti: i due di sinistra dominati da elementi più grandi, quelli di destra più liberi e movimentati. La particolarità di questo dipinto, giocato su un accordo bicromo di campiture uniformi gialle e nere inquadrate da una cornice bianca, risiede nella perfetta intercambiabilità di sfondo e immagine. Le forchettine appaiono sia in giallo proiettate sul fondo nero sia viceversa. L'immersione nella purezza dei colori è assoluta, favorita dal respiro monumentale; Capogrossi si esprime qui nella grande dimensione e questo, unito alla qualità museale della pittura, accosta Superficie 382 ai più importanti esempi della pittura del maestro in collezioni pubbliche e private.

    Special Notice

    Artist's Resale Right ("Droit de Suite"). Artist's Resale Right Regulations 2006 apply to this lot, the buyer agrees to pay us an amount equal to the resale royalty provided for in those Regulations, and we undertake to the buyer to pay such amount to the artist's collection agent.
    Where there is no symbol Christie's generally sells lots under the Margin Scheme. The final price charged to Buyer''s for each lot, is calculated in the following way: 30% of the final bid price of each lot up to and including € 20.000,00 26% of the excess of the hammer price above € 20.000,00 and up and including € 800.000,00 18,5% of the excess of the hammer price above €800.000,00


    Provenance

    Galleria del Naviglio, Milano
    ivi acquisito dall'attuale proprietario negli anni Sessanta


    Saleroom Notice

    L'opera è stata esposta anche a Roma, Galleria Nazionale d'Arte Moderna, Capogrossi: i segni del secolo, dicembre 1999-gennaio 2000, cat., n. 48 (illustrato)


    Literature

    M. Tapiè, Capogrossi, Venezia 1962, tav. III
    G. C. Argan, Capogrossi, Roma 1967, p. 185, n. 415 (illustrato)


    Exhibited

    Termoli, Palazzo del Comune, X Premio Termoli. Omaggio a Calò, omaggio a Capogrossi, mostra d'Arte Contemporanea, agosto 1965
    Roma, Galleria Nazionale d'Arte Moderna, Giuseppe Capogrossi, 12 dicembre 1974 - 2 febbraio 1975, cat., p. 99, n. 92 (illustrato)