• Christies auction house James Christie logo

    Sale 2511

    Post War and Contemporary

    24 - 25 November 2008, Milan, Palazzo Clerici

  • Lot 179

    Lucio Fontana (1899-1968)

    Concetto spaziale

    Price Realised  

    Estimate

    Lucio Fontana (1899-1968)
    Concetto spaziale
    firma, titolo e data L. Fontana "Concetto spaziale" 1959 (sul retro)
    anilina e buchi su tela
    cm 80x100
    Eseguito nel 1959
    Autentica dell'Archivio Lucio Fontana, Milano, n. 102/37


    Contact Client Service
    • info@christies.com

    • New York +1 212 636 2000

    • London +44 (0)20 7839 9060

    • Hong Kong +852 2760 1766

    • Shanghai +86 21 6355 1766

    Realizzata nel 1959, questa tela di grandi dimensioni rappresenta uno dei più riusciti esempi della serie degli "inchiostri", opere realizzate da Fontana utilizzando colori all'anilina che gli permettevano di ottenere toni uniformemente soffusi e ambientazioni liriche e suggestive.
    Nel 1959 Fontana, pur avendo già sessant'anni, una lunghissima carriera alle spalle e un successo internazionale ormai consolidato (era già celebre come scultore prima della seconda guerra mondiale) continuava a sperimentare incessantemente. In quell'anno infatti comincia a produrre i cicli delle "nature e dei "tagli" e proprio il confronto tra queste serie e l'opera che presentiamo rivela la capacità dell'artista di lavorare contemporaneamente su temi formali molto distanti, contrapposti polarmente. Fontana conduceva infatti parallelamente cicli diversi, adeguando la sua creatività a esigenze totalmente opposte.
    Colpisce ad esempio il contrasto tra la massiccia fisicità delle "nature", la loro presenza opaca e prepotente e la levità immateriale del colore negli "inchiostri". In essi il colore entra a far parte della tela, che lo assorbe completamente; non sono più due entità distinte, ma si compenetrano in una unità. Fontana comincia la produzione degli "inchiostri" in contemporaneità con le sperimentazioni di Helen Frankenthaler, Morris Louis o Kenneth Noland negli Stati Uniti, che pure utilizzavano tecniche in cui il materiale pittorico, anziché formare uno strato sovrapposto rispetto alla tela, la compenetra completamente.
    D'altra parte le fasce di colore liberamente stese di questo Concetto Spaziale si contrappongono anche ai monocromi decisi dei "tagli", distiguendosi per una atmosfera impalpabile e misteriosa. D'altra parte la purezza intellettuale e la precisione chirurgica del taglio è molto distante dalla libertà nell'esecuzione che porta alla costellazione di piccoli buchi che appaiono nella metà destra del dipinto. La composizione è anche qui molto calibrata, come nei migliori "tagli", ma l'esecuzione è più spontanea e lascia una parte maggiore al caso.
    Il fatto di condurre contemporaneamente multipli filoni di ricerca, unificati da una visione molto chiara testimonia l'inesausta vitalità creativa dell'artista e un modo di procedere in cui gli opposti non si escludono, ma si confrontano e si rafforzano a vicenda.
    Anche la riflessione che Fontana dedica allo spazio oscilla tra due polarità: lo spazio cosmico e lo spazio (simbolico e reale) dell'opera d'arte. Quest'opera evidenzia l'importanza che queste due dimensioni spaziali avevano per l'artista e la sua capacità di unificarle.
    Fontana era infatti affascinato dai corpi celesti, dalle costellazioni, dal silenzio in cui erano immersi stelle e pianeti vecchi di milioni di anni, e questa tela evoca effettivamente un silenzio cosmico, l'apparente immobilità degli spazi siderali. Tuttavia, quanto è fondamentale nella ricerca di Fontana lo spazio astronomico, altrettanto lo è lo spazio concreto in cui sono immerse le sue tele e le sue sculture. Si è a lungo insistito sul ruolo che hanno buchi (prima ancora dei tagli) nel mettere in comunicazione lo spazio che sta dietro la tela e quello che le sta davanti. La tela cessa di essere uno schermo impermeabile contro cui si interrompe lo sguardo dello spettatore; il buco circonda, delimita, rende visibile e concreto lo spazio, sottolineandone la presenza così come avviene in questa evocativa e delicata tela.

    Special Notice

    Artist's Resale Right ("Droit de Suite"). Artist's Resale Right Regulations 2006 apply to this lot, the buyer agrees to pay us an amount equal to the resale royalty provided for in those Regulations, and we undertake to the buyer to pay such amount to the artist's collection agent.
    Where there is no symbol Christie's generally sells lots under the Margin Scheme. The final price charged to Buyer''s for each lot, is calculated in the following way: 30% of the final bid price of each lot up to and including € 20.000,00 26% of the excess of the hammer price above € 20.000,00 and up and including € 800.000,00 18,5% of the excess of the hammer price above €800.000,00


    Provenance

    Galleria Gastaldelli, Milano
    ivi acquisito dall'attuale proprietario


    Literature

    E. Crispolti, Lucio Fontana, Bruxelles 1974, Vol. II, pp. 64-65 (illustrato)
    E. Crispolti, Fontana Catalogo Generale, Milano 1986, Vol. I, p. 226 (illustrato)
    C. Piccoli, Le vite parallele, in "La Repubblica", supplemento "TM&L", n. 64, Roma, 17 novembre 1994 (illustrato)
    R. Pasini, L'informale italiano, Parma 1997, p. 74 (illustrato)
    E. Crispolti, Lucio Fontana. Catalogo ragionato di sculture, dipinti, ambientazioni, Milano 2006, Tomo I, p. 386, n. 59 I 1 (illustrato)


    Exhibited

    Hong Kong, Visual Art Centre, Informale in Italia, 1997
    Fukuyama, Museum of Art, Afro, Burri, Fontana, 6 aprile - 26 maggio 2002, poi Osaka, The National Museum of Art, 6 giugno - 21 luglio 2002, cat., p. 122, 357, n. 53 (illustrato)