Lucio Fontana (1899-1968)
Artist's Resale Right ("Droit de Suite"). Artist's… Read more
Lucio Fontana (1899-1968)

Concetto Spaziale, Attese

Details
Lucio Fontana (1899-1968)
Concetto Spaziale, Attese
firma, titolo e iscrizione l. Fontana "Concetto Spaziale" ATTESE quando uno va in treno si addormenta? (sul retro)
idropittura su tela
cm 65,4x54,3
Eseguito nel 1964
Provenance
Collezione Dragone, Torino
Londra, asta Sotheby's, 15 ottobre 2010, lotto 33
ivi acquisito dall'attuale proprietario
Literature
E. Crispolti, Lucio Fontana: catalogue raisonné des peintures, sculptures et environnements spatiaux, Bruxelles 1974, vol. II, p. 152 (illustrato)
E. Crispolti, Fontana. Catalogo Generale, Milano 1986, vol. II, p. 152, n. 64 T 36 (illustrato)
E. Crispolti, Lucio Fontana. Catalogo ragionato di sculture, dipinti, ambientazioni, Milano 2006, vol. II, p. 712, n. 64 T 36 (illustrato)
Special notice

Artist's Resale Right ("Droit de Suite"). Artist's Resale Right Regulations 2006 apply to this lot, the buyer agrees to pay us an amount equal to the resale royalty provided for in those Regulations, and we undertake to the buyer to pay such amount to the artist's collection agent.
(*) means: lots under temporary importation consigned to us by a Seller, from outside the EU the total amount payable by the Buyer for each lot includes: • the hammer price; • 24,59% of hammer price up to €30.000,00; • 21,31% of excess of hammer price above €30.000,00 & up to & including €1.200.000,00. • 15,16% on excess of hammer price above €1.200.000,00 • 22% VAT on auction commission, except (i) to persons who are from outside the EU or (ii) to goods that have the customs importation destination; • 10% VAT on hammer price (as deposit for customs’ VAT charges). VAT on hammer price is refundable only in cases of certified re-exportation outside the EU within three months of the date of sale, on condition that the relevant certifying documentation, as provided for by the Italian law, is delivered to Christie’s within four months of the date of sale; • any interest on unpaid VAT payments from the day of importation; & • any other costs, including those relating to the customs procedure to convert the temporary importation into permanent importation
Post lot text
'CONCETTO SPAZIALE, ATTESE' (SPATIAL CONCEPT, WAITINGS); SIGNED, TITLED AND INSCRIBED ON THE REVERSE; WATERPAINT ON CANVAS

Lot Essay

Solcato da tre eleganti tagli verticali, il blu brillante di Concetto Spaziale, Attese di Lucio Fontana viene dalla celebre serie dei tagli, che l'artista inizia nel 1958. I tagli della tela rappresentano l'incarnazione, formalmente e teoricamente, delle teorie spazialiste di Fontana. Squarciando la superficie sacra della tela, rivelando lo spazio scuro e sconosciuto che vi è oltre, Fontana rivede radicalmente la concezione del piano pittorico, offrendo allo spettatore un'esperienza di un nuovo regno, una dimensione sconosciuta e infinita dell'universo. Eseguito nel 1964, Concetto Spaziale. Attese risuona con un semplicità potente e una chiarezza teatrale di espressione, una visione delle filosofie spazialiste che Fontana credeva essere centrali per il futuro dell'arte.

Con i suoi buchi e successivamente i suoi tagli, Fontana trova un modo per trascendere la materialità innata e la fisicità della tela per invocare un regno spaziale perpetuo che possa esistere oltre i parametri del tempo misurabile: 'quello che vogliamo fare', l'artista ha dichiarato, 'è scardinare l'arte dal materiale, liberare il senso dell'eternità dalla preoccupazione con l'immortalità. E perchè non ci interessa se un gesto, una volta compiuto, vive per un momento o per un millennio, perchè siamo fermamente convinti che una volta compiuto è eterno' (First Spatialist Manifesto, 1947, riprodotto in E. Crispolti et. al., Lucio Fontana, Milano, 1998, p. 117-118).
Nel 1964, anno in cuiviene realizzato Concetto Spaziale. Attese, la competizione per raggiungere lo spazio è nel vivo, poichè gli Stati Uniti si affrettano a raggiungere il successo dell'Unione Sovietica che è già riuscita a mandare il primo uomo nello spazio. Fontana è affascinato dai nuovi avanzamenti della ricerca per comprendere il cosmo, e prova a catturare l'esplorazione dei misteri dell'universo nella sua arte; nel 1965, anno successivo all'esecuzione dell'opera in questione, l'artista dichiara 'Io non voglio fare un dipinto: voglio aprire lo spazio, creare una nuova dimensione per l'arte, collegarmi con il cosmo mentre espande senza fine oltre il piano confinante della tela' (Fontana citato in Jan van der Marck, 'Lucio Fontana: From Tradition to Utopia', Lucio Fontana, Bruxelles, 1974, p. 7). In questo contesto, il blu monocromatico e puro di Concetto Spaziale. Attese evoca un impressione del regno illimitato del cielo mentre lo spazio nero oltre i tagli appare come l'infinito e indeterminato spazio dell'universo. Tagliato con un gesto che secondo Fontana era un atto eterno di creazione invece che di distruzione, Concetto Spaziale. Attese crea una nuova esperienza dello spazio infinito, condensando l'era di scoperte radicali e importantissime su cui Fontana stava lavorando.

Sliced with three elegant, vertical slashes, Lucio Fontana's brilliantly blue Concetto Spaziale, Attese is from the artist's celebrated tagli or cuts series, which he first began in 1958. The cuts through the canvas served as the embodiment, both formally and theoretically, of Fontana's Spatialist theories. By piercing the sacrosanct surface of the canvas and revealing a dark, unknown space beyond, Fontana radically revised the conception of the picture plane, offering the viewer an experience of a new realm, an unknown and infinite dimension of the universe. Executed in 1964, Concetto Spaziale. Attese resonates with a powerful simplicity and dramatic clarity of expression, a vision of the Spatialist philosophies that Fontana believed was central to the future of art.

With his buchi (holes) and subsequently, tagli, Fontana found a means through which to transcend the inherent materiality and physicality of the canvas and instead invoke a perpetual spatial realm that would exist beyond the parameters of measurable time: 'what we want to do', the artist declared, 'is to unchain art from matter, to unchain the sense of the eternal from the preoccupation with the immortal. And we don't care if a gesture, once performed, lives a moment or a millennium, since we are truly convinced that once performed it is eternal' (First Spatialist Manifesto, 1947, reproduced in E. Crispolti et. al., Lucio Fontana, Milan, 1998, p.117-118).

In 1964, the year Concetto Spaziale, Attese was executed, the space race was well underway, as the United States rushed to match the Soviet Union's success in sending the first human into space. Fontana was fascinated by the new advancements in the quest to comprehend the cosmos, and sought to capture the exploration into the mysteries of the universe in his art; the artist stated in 1965, the year after he executed the present work, 'I do not want to make a painting: I want to open up space, create a new dimension for art, tie in with the cosmos as it endlessly expands beyond the confining plane of the picture' (Fontana quoted in Jan van der Marck, 'Lucio Fontana: From Tradition to Utopia', Lucio Fontana, Brussels, 1974, p. 7). Within this context, the monochromatic, pristine blue of the present work conjures an impression of the limitless realm of the sky while the black space beyond the slashes appears as the infinite, indeterminate space of the universe. Sliced through with a gesture that for Fontana was an eternal act of creation rather than of destruction, Concetto Spaziale. Attese evokes a new experience of infinite space, encapsulating the age of momentous and radical discovery in which Fontana was working.

More from Milan Modern and Contemporary

View All
View All