Parigi, 21 giugno 1827. 1 p. in-8" /> Carlo Botta (1766-1837, storico e uomo politico piemontese) - L.a.f. a Sigismondo Visconti: "...io non gli ho detto il mio parere sui suoi versi, perche lei non me l'ha domandato ed... il dico malvolentieri... e solamente per obbedirlo, gli diro che mi pare che questo suo componimento manchi intieramente di spirito poetico..." Dopo una lunga serie di critiche aggiunge "... Bene pensa di non istamparlo...". Si tratta forse di un poema romantico e Botta era notoriamente un avversario del romanticismo. <I>Parigi, 21 giugno 1827. 1 p. in-8</I> | Christie's