Livorno, 10 marzo 1665; 1p. in-4 " /> Leopoldo de Medici (1617-1675. Cardinale dal 1667, protettore di Alesandro che per lui compose la sua Circe). Interessante lettera a. f. diretta al poeta e medico Francesco Redi che era alla ricerca del calabrese dottor Antonio Oliva, "...credo che a quest'ora avra veduto quanto occorre, e parlato all'Inquisitore". (Il dott. Oliva, caduto negli artigli dell'Inquisizione e tradotto a Roma, straziato dalla tortura, si getto da una finestra del Sant'Uffizio). In questa lettera si parla anche dell'accademico fiorentino Alessandro Segni, del commendatore Galilei e del "Carnovale alla marinaresca". In IV pagina, annotazione di 11 righe, a. di Francesco Redi. <I> Livorno, 10 marzo 1665; 1p. in-4</I> | Christie's